Elon Musk vuole inviare un milione di persone su Marte

Elon Musk nel 2013
Elon Musk nel 2013

Elon Musk (foto ©Dan Taylor / Heisenberg Media) ha già parlato più volte dei suoi progetti di creare una colonia su Marte, anche nei mesi scorsi. Nei giorni scorsi, è apparsa una sua intervista su Aeon Magazine in cui ne ha parlato con Ross Andersen. L’uomo che ha ispirato Iron Man ha illustrato un piano davvero a lungo termine sostenendo che dobbiamo inviare un milione di persone sul pianeta rosso per assicurare un futuro all’umanità.

Quando qualcuno parla di colonie su Marte, molte persone pensano che dovrebbe scrivere un racconto di fantascienza ma c’è qualcuno che ci pensa molto seriamente. Nel 2002, Elon Musk veniva preso per matto perfino dai suoi amici quando decise di aprire un’azienda di trasporti spaziali. Dieci anni dopo, quell’azienda, SpaceX, fu la prima ad inviare una navicella spaziale privata alla Stazione Spaziale Internazionale.

Il punto è che non prendere sul serio ciò un progetto di Elon Musk può essere un sintomo di miopia. Stiamo parlando di un uomo che è diventato miliardario avendo grandi successi nel campo dell’informatica, in particolare sviluppando i servizi di PayPal per poi vendere l’azienda a eBay, ora ha prenotazioni per alcuni anni per il lancio di satelliti e contratti con la NASA e sta sviluppando enormemente il mercato delle automobili elettriche.

Il progetto di una colonia marziana è a lungo termine. Secondo Elon Musk dovrebbe iniziare nel 2020 per poi essere sviluppato nel tempo con invii di coloni e lui stesso ha dichiarato che un giorno vorrebbe trasferirsi sul pianeta rosso. Nel passato, aveva parlato di una colonia di 80.000 persone ma forse sono poche per un uomo come lui, che ha ampiamente dimostrato di avere una visione molto ampia del futuro. Nella sua intervista a Aeon Magazine ha infatti parlato di una colonia di un milione di persone.

Elon Musk è il primo a rendersi conto dei problemi prima di tutto tecnologici da risolvere per poter creare una colonia su Marte. Un milione di persone richiedono risorse da trasportare assieme a loro, forse anche dieci viaggi per inviare carichi su Marte per ogni viaggio di trasporto di coloni.

Anche trovando il modo di sfruttare le materie prime presenti su Marte, gli sforzi e i costi sarebbero davvero enormi e dovrebbero continuare per molti anni. Tuttavia, Elon Musk ha fatto notare che i progressi tecnologici avvenuti negli ultimi decenni sono stati grandissimi e se continueranno così secondo lui nel 2040 dovremmo già essere in grado di avere una colonia su Marte, forse con migliaia di persone.

La vita in una colonia su Marte non sarà facile, almeno all’inizio. La tecnologia sarà in grado di renderla meno dura? Farsi un’idea dei possibili progressi dei prossimi decenni è davvero difficile ma per Elon Musk è in gioco la sopravvivenza dell’umanità. Rimanere confinati sulla Terra ci espone a potenziali pandemie di Ebola o altre malattie anche peggiori e a catastrofi come l’impatto di un asteroide o l’esplosione di un supervulcano.

Elon Musk guarda anche più lontano di Marte. Le tecnologie necessarie a sviluppare una colonia sul pianeta rosso potranno permettere all’umanità di espandersi per tutto il sistema solare. Potenzialmente, ci sono le risorse per ospitare migliaia di miliardi di esseri umani.

[ad name=”eBayScienze300″]

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *