Il ritorno di tre astronauti dalla Stazione Spaziale Internazionale segna la fine della Expedition 40

I cosmonauti russi Oleg Artemyev e Alexander Skvortsov e l'astronauta americano Steve Swanson assistiti dopo l'atterraggio della navicella spaziale Soyuz TMA-12M (Immagine NASA TV)
I cosmonauti russi Oleg Artemyev e Alexander Skvortsov e l’astronauta americano Steve Swanson assistiti dopo l’atterraggio della navicella spaziale Soyuz TMA-12M (Immagine NASA TV)

Qualche ora fa, l’astronauta americano Steve Swanson e i cosmonauti russi Alexander Skvortsov e Oleg Artemyev sono tornati sulla Terra sulla navicella spaziale Soyuz TMA-12M, atterrata senza problemi in Kazakistan. I tre hanno trascorso quasi esattamente sei mesi sulla Stazione Spaziale Internazionale, dove erano arrivati il 28 marzo 2014. Inizialmente, erano parte della Expedition 39, nella seconda metà della loro permanenza sono stati parte della Expedition 40 con Steve Swanson come comandante della Stazione.

Nel corso dei sei mesi trascorsi sulla Stazione Spaziale Internazionale, i tre membri dell’equipaggio hanno portato avanti le varie attività di manutenzione ordinaria e molti esperimenti scientifici. Il periodo della Expedition 39 è stato intenso, soprattutto aprile con varie navicelle spaziali che sono arrivate e sono partite, in particolare la Dragon di SpaceX.

Il periodo della Expedition 40 non è stato certo una vacanza perché anche nel corso degli ultimi mesi nuove navicelle spaziali sono arrivate e hanno lasciato la Stazione Spaziale Internazionale. Dopo la partenza della Dragon, in luglio sono arrivate la Cygnus di Orbital Sciences, la russa Progress e l’ATV-5 dell’ESA con molti rifornimenti, nuovi esperimenti scientifici e strumenti vari.

La Cygnus è ripartita il 15 agosto per disintegrarsi nell’atmosfera terrestre assieme a componenti guaste o non più utilizzabili e altra spazzatura. L’ATV-5 rimarrà ancora per parecchie settimane attraccata alla Stazione: essa può essere usata anche come ulteriore modulo abitativo grazie alle sue dimensioni e per effettuare manovre per risollevare l’orbita della Stazione.

Il 19 giugno Alexander Skvortsov e Oleg Artemyev hanno compiuto una passeggiata spaziale durata circa 7 ore e 23 minuti per installare un’antenna di comunicazione all’esterno del modulo Zvezda. Il lavoro ha incluso le operazioni di collegamento dei cavi necessari a integrarla nel sistema di comunicazione.

Il 18 agosto, Alexander Skvortsov e Oleg Artemyev hanno compiuto un’altra passeggiata spaziale durata circa 5 ore e 11 minuti. I due cosmonauti hanno lanciato il piccolo satellite scientifico peruviano Chasqui 1, progettato per scattare foto della Terra e trasmetterle ad una stazione al suolo. Essi hanno anche installato alcuni esperimenti scientifici dell’ESA per lo studio di biomateriali e di organismi estremofili e ispezionato vari componenti all’esterno del laboratorio orbitale.

Lunedi 9 settembre, Steve Swanson ha passato ufficialmente il comando della Stazione Spaziale Internazionale al cosmonauta russo Maksim Suraev, segnando l’inizio della Expedition 41. L’equipaggio verrà completato dall’arrivo di altri tre membri, previsto per fine settembre.



Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *