Facebook acquista l’azienda che si occupa di realtà virtuale Oculus VR per 2 miliardi di dollari

Sergey Orlovskiy testa Oculus Rift
Sergey Orlovskiy testa Oculus Rift

Facebook ha annunciato di aver raggiunto un accordo per l’acquisto di Oculus VR, Inc., azienda produttrice del set per la realtà virtuale Oculus Rift, per un totale di circa 2 miliardi di dollari. La cifra include 400 milioni in denaro e 23,1 milioni di azioni Facebook. L’accordo include anche altri 300 milioni in denaro e azioni basati sul raggiungimento di certi obiettivi che non sono stati specificati nel comunicato.

Oculus VR è stata fondata da Palmer Luckey, che si descrive come un entusiasta della realtà virtuale e un geek. Una campagna su Kickstarter ha contribuito a finanziare lo sviluppo di Oculus Rift, che è sostanzialmente un caschetto dotato di un display (foto ©Sergey Galyonkin). Il risultato è stato straordinario, con oltre 2,4 milioni di dollari raccolti. A questi sono stati aggiunti altri finanziamenti arrivati da altre fonti.

Nel corso dello sviluppo di Oculus Rift, l’azienda ha assunto anche John Carmack, uno dei fondatori del celebre produttore di videogiochi id Software. Uno degli usi previsti è proprio quello ludico e un prototipo è stato provato con Doom 3 BFG Edition. Il developer kit dell’Oculus Rift è stato un grande successo già nel 2012 anche se chi lo prenotava sapeva che sarebbe stato spedito solo dopo parecchi mesi.

Per i prossimi mesi, è prevista la disponibilità del Devkit 2, una nuova versione per gli sviluppatori. Una versione per i consumatori normali è in fase di sviluppo, capace di raggiungere una risoluzione 1080p. Ora però è arrivato l’annuncio dell’acquisto da parte di Facebook.

Mark Zuckerberg, il fondatore e amministratore delegato di Facebook, ha dichiarato che Oculus VR rappresenta per loro la possibilità di creare una piattaforma più social che mai. L’idea è quella di cambiare il modo di lavorare, giocare e comunicare della gente. Non è solo il campo dei videogiochi che interessa a Zuckerberg ma quello dei media in generale, in cui il confine tra reale e virtuale diventa sempre più labile.

Le applicazioni dell’Oculus Rift al di fuori del campo dei videogiochi sono ancora tutte da esplorare. Certamente, Facebook vuole superare la realtà aumentata dei Google Glass con un sistema di realtà virtuale. Si tratta però di due cose ben diverse: i Google Glass possono essere indossati nella normale vita quotidiana, anche mentre si cammina per strada, l’Oculus Rift è un sistema che isola chi lo indossa dall’esterno, con tutte le conseguenze del caso.

Le reazioni a quest’annuncio sono state varie. Markus Persson, il creatore di Minecraft, ha dichiarato di aver cancellato i piani per portare il suo videogioco su Oculus Rift. La ragione è che secondo lui Facebook è un’azienda a cui importano solo i numeri relativi agli utenti e la cosa gli dà i brividi.

Mark Zuckerberg ha fatto un’altra scommessa con l’acquisto di Oculus VR e in questo caso ci vorrà più tempo rispetto alle acquisizioni precedenti per capire se avrà successo. Facebook ha le risorse per portare avanti un piano a lungo termine perciò attendiamoci qualche sorpresa.



Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *