Un giudice ordina la cessazione del lock out NFL

Il giudice Susan Nelson ha accolto la richiesta avanzata da alcuni giocatori dell’NFL e ha emesso un’ingiunzione che ordina ai proprietari delle squadre di cessare il lock out iniziato circa un mese e mezzo fa. Il giudice Nelson ha ritenuto che il lock out stava già infliggendo ed avrebbe inflitto nel corso del tempo un danno irreparabile ai giocatori citando le loro brevi carriere.

Le parti erano state ascoltate all’inizio del mese ed era stato ordinato loro di riprendere la mediazione fino al momento del giudizio. Poiché non c’erano c’erano stati progressi è arrivata la decisione da parte del giudice Nelson a cambiare i termini dello scontro tra giocatori e proprietari NFL.

I proprietari hanno subito annunciato la loro intenzione di appellarsi, nel frattempo però i giocatori sono stati avvertiti del fatto che da oggi dovrebbero presentarsi alle strutture d’allenamento delle squadre per iniziare la preparazione. Il portavoce dell’NFL ha dichiarato che i giocatori verranno fatti entrare.

Cosa succederà ora? Dopo un mese e mezzo di lock out in cui almeno in apparenza non è successo nulla questa sentenza è il primo evento importante ma è solo la prima battaglia di quella che potrebbe essere una lunga guerra legale. Ovviamente i proprietari delle squadre NFL ritengono di avere appigli legali per vincere in appello ma onestamente io non sono in grado di valutare questi tecnicismi legali.



Visto che stiamo parlando di football americano possiamo dire che i giocatori hanno segnato la prima meta di questa partita. Ora la palla passa ai proprietari: anch’essi potrebbero segnare ma potrebbero doversi accontentare di un field goal oppure potrebbero venire fermati dai loro avversari o dagli arbitri, che in questo caso saranno i giudici della corte d’appello.

A prescindere da quali saranno i prossimi giudizi in tribunale è chiaro però che si tratterà di una soluzione temporanea e che prima o poi le due parti dovranno trovare un nuovo accordo per il contratto collettivo. Il fatto è che ovviamente la parte che otterrà la vittoria finale nello scontro legale potrà trattare da una posizione di forza. Sostanzialmente l’attività legale cominciata subito dopo l’inizio del lock out non serve a risolvere il problema bensì a trovare una posizione di forza per la propria parte.

Ancora una volta ricordo che se la stagione non cominciasse a perderci maggiormente sarebbero i tifosi, i giocatori che non hanno contratti multimilionari e tutte le persone comuni che lavorano grazie alle partite NFL.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *