Flood. Diluvio di Stephen Baxter

Flood. Diluvio di Stephen Baxter (edizione americana)
Flood. Diluvio di Stephen Baxter (edizione americana)

Il romanzo “Flood. Diluvio” di Stephen Baxter è stato pubblicato in Italia da Aliberti editore nella collana Arcipelago.

Nel 2016 quattro persone vengono liberate dopo aver trascorso degli anni nelle mani di un gruppo di fanatici cristiani. Pensano di poter finalmente tornare alla loro vita normale ma scoprono che nel corso di quegli anni il livello dei mari ha cominciato a crescere rapidamente e di conseguenza sempre più terre vengono inondate.

Una ricerca scientifica porta alla conclusione che nel mantello terrestre c’è una quantità d’acqua molto maggiore che in tutti gli oceani del pianeta e un’attività sismica a grande profondità ha cominciato a farla uscire.

Lily Brooke, una degli ex prigionieri, si trova a dover salvare la propria sorella e la sua famiglia quando Londra viene inondata ma il livello dei mari continua a salire. Nel caos che si sta diffondendo nel mondo il magnate Nathan Lammockson ha piani su piani per sopravvivere a qualunque costo e Lily decide di unirsi al suo gruppo anche se non nasconde di avere ben pochi scrupoli nel portare avanti i suoi progetti.

“Flood. Diluvio” seguie gli sforzi per sopravvivere del gruppo di Nathan Lammockson fino al 2052 in un mondo in cui l’unica costante è il cambiamento e l’acqua seppellisce sempre più parti delle vecchie civiltà umane. Le tecnologie che diamo per scontate sono complesse e basate su molti elementi ma quando sempre più tra essi finiscono sott’acqua la nostra società si deve adattare a tecnologie più semplici o comunque diverse recuperando allo stesso tempo il più possibile di ciò che era stato prodotto in tempi migliori.

Stephen Baxter è uno degli autori di fantascienza hard più famosi del mondo. In “Flood. Diluvio” il tema catastrofico lo fa avvicinare a J.G. Ballard anche considerando che il collasso del vecchio mondo è pure mentale: non a caso dopo molti anni di salita del livello dei mari uno dei personaggi commenta che il mondo è psicotico.

“Flood. Diluvio” è una storia piuttosto angosciante, non raccomandata alle persone con tendenza alla depressione. La prima parte è anche vicina in maniera inquietante alla situazione di oggi considerando che siamo alla fine di un anno che ha visto molte parti dell’Europa inondate, catastrofiche inondazioni in varie parti di India e Pakistan e in alcune altre regioni del mondo ci sono oggi pesanti piogge o nevicate.

“Flood. Diluvio” è basata su una teoria che oggi come oggi è azzardata ma anche senza che altra acqua arrivi dal mantello terrestre ne viene aggiunta a sufficienza dai ghiacciai che si stanno sciogliendo ora e il riscaldamento globale sta anche provocando tempeste più forti. Già in queste condizioni molte città sulle coste, comprese alcune molto grosse come New York e Los Angeles, potrebbero essere presto a rischio di inondazione.

L’unica buona notizia è che sarà improbabile vedere grosse porzioni di terre sott’acqua in appena una decade. Speriamo.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *