Jim Morrison graziato dopo oltre quarant’anni

Foto segnaletica di Jim Morrison
Foto segnaletica di Jim Morrison

Jim Morrison ha ricevuto la grazia per un’accusa di esibizionismo risalente al 1969. L’iniziativa era partita dal governatore della Florida Charlie Crist già nel 2007, successivamente era stata inoltrata ufficialmente alla commissione dello stato preposta alla concessione della grazia e ieri è stata ufficialmente votata.

Il 1 marzo 1969 i Doors tennero un concerto a Miami. Jim Morrison arrivò in ritardo al Dinner Key Auditorium ed era già ubriaco dopo aver passato la giornata bevendo. Secondo le testimonianze quello più che un concerto fu un’esibizione di parolacce da parte di Morrison ma ci sono discordanze sul fatto che ad un certo punto si sia effettivamente calato i pantaloni mostrando più strumenti di quelli previsti per il concerto 😉 perché qualcuno afferma che l’abbia fatto mentre altri sostengono il contrario.

Nei giorni successivi venne spiccato un mandato d’arresto per Jim Morrison per atti indecenti. La notizia provocò subito l’annullamento di vari concerti dei Doors già programmati mentre Morrison venne processato e condannato a sei mesi di reclusione che però non scontò mai. Morrison ricorse in appello e si trasferì a Parigi dove morì prima del nuovo processo per cui la questione della sua colpevolezza ufficialmente rimase bloccata.



Negli anni successivi alla vicenda i vari dubbi sulle testimonianze a dir poco contrastanti vennero fuori. La vedova di Jim Morrison sostiene che l’accusa e il processo vennero messi in piedi da qualcuno in cerca di pubblicità, altri sostengono che comunque c’erano motivi politici per attaccare Jim Morrison. I fan dei Doors avevano inoltrato varie petizioni ai governatori della Florida per ottenere la grazia postuma per il loro idolo, ora il governatore Charlie Crist ha dato loro soddisfazione.

Si chiude così dopo tanti anni una vicenda riguardante un personaggio decisamente controverso eppure ancora molto amato da milioni di persone in tutto il mondo a quasi quarant’anni dalla sua morte.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *