Incandescence di Greg Egan

Incandescence
Incandescence di Greg Egan

Nel suo numero 1562, Urania ha pubblicato nel settembre 2010 il romanzo “Incandescence” di Greg Egan nel quale vengono narrate due storie, apparentemente slegate e in situazioni totalmente diverse.

Nel lontano futuro la galassia è sostanzialmente divisa in due società: l’Amalgama, un’unione di molte civiltà con diverse origini i cui membri ormai hanno raggiunto un livello di longevità tale da parlare di millenni come se fossero brevi periodi ma anche per questo si annoiano e i misteriosi Superbi, che controllano il centro della galassia e rifiutano i contatti con l’Amalgama pur non manifestando ostilità.

Quando Rakesh, uno dei protagonisti del romanzo, si lamenta che tutto è stato fatto e tutto è stato scoperto una persona gli racconta di aver avuto un contatto indiretto con i Superbi, i quali l’hanno guidata alla scoperta di una meteora contenente DNA e sono disposti a permettere a membri dell’Amalgama di indagare sulla sua origine nel loro dominio. Rakesh vede l’occasione per rompere la monotonia e, assieme a Parantham, anch’essa incuriosita da quella storia, parte alla ricerca del mondo di origine di quel DNA.

L’altra vicenda del romanzo è ambientata nella Scheggia, un mondo di roccia traslucida illuminata dall’Incandescenza abitato da una specie di insettoidi. All’interno di una civiltà pre-industriale lo scienziato Zak cerca di scoprire le leggi che governano il moto della Scheggia e i pericoli che la minacciano. Roi viene coinvolta nelle ricerche di Zak e contribuisce alla comprensione del loro destino.

Greg Egan conferma di essere uno dei principali rappresentanti della fantascienza hard con un romanzo che richiede qualche conoscenza di fisica newtoniana e possibilmente le basi della fisica relativistica per comprendere la vicenda della Scheggia. Sul suo sito l’autore ha aggiunto alla pagina dedicata al romanzo alcune altre pagine contenenti degli extra che possono aiutare nella comprensione di questi elementi scientifici.

L’autore riempie il romanzo di spunti interessanti che purtroppo vengono solo in parte sviluppati e alla fine il lettore che sia riuscito a seguire le vicende rimane con un’impressione di incompiutezza e anche della mancanza di una vera fine che porta all’aspettativa di una continuazione.

Egan ha scritto due racconti ambientati nello stesso universo, “Glory” e “Riding the Crocodile“, ma è davvero poco considerando la vastità spaziale e temporale di quest’affresco galattico che sembra appena abbozzato. C’è dunque da sperare che l’autore decida di creare un vero e proprio ciclo espandendo non solo le vicende di “Incandescence” ma raccontandoci altre avventure nell’Amalgama e magari facendoci sapere qualcosa di più dei Superbi.

Nonostante queste limitazioni, per i fan di Greg Egan e della fantascienza hard in generale “Incandescence” è una lettura che merita.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *