Al via l’NBA 2010/2011

Domani parte il campionato NBA 2010/2011. Quali sono le squadre favorite per il titolo? Vediamo quali squadre potrebbero essere le semifinaliste di conference.

Eastern Conference

Miami Heat

Pat Riley è riuscito nell’impresa di mettere assieme i “tre amigos” facendo arrivare LeBron James e Chris Bosh, i quali uniranno le forze con Dwyane Wade per vincere il titolo. Dopo l’annuncio dell’arrivo delle due superstar c’era il dubbio che assieme a loro ci sarebbero stati solo giocatori scarsi non in grado di aiutarli a sufficienza ma Pat Riley è riuscito anche a convincere qualche veterano ad unirsi agli Heat per uno stipendio notevolmente ribassato al solo scopo di vincere il titolo. Sulla carta sono i favoriti, bisogna vedere se riusciranno a creare la chimica giusta sotto la grande pressione che avranno addosso per tutta la stagione.

Boston Celtics

Hanno già dimostrato di essere una squadra capace di giocare i playoff e la dirigenza ha deciso di provare ancora a puntare sulle loro stelle aggiungendo solo un paio di veterani, anche se Shaquille O’Neal è un giocatore ingombrante in tutti i sensi. L’anno scorso i Celtics hanno eliminato i favoriti Cleveland Cavaliers, quest’anno sicuramente vorranno fare la stessa cosa con i Miami Heat. Certamente hanno corpi in abbondanza da mettere sotto canestro e soprattutto tra il canestro e LeBron James o Dwyane Wade. Se arrivassero in finale non sarebbe poi una sorpresa così grande.

Orlando Magic

Nell’ultima stagione non sono riusciti a tornare alla finale raggiunta nel 2009. La squadra ha un roster di alto livello ma quello che aveva funzionato così bene nel loro anno migliore non è stato uguagliato negli ultimi playoff. Forse Turkoglu era più importante per la squadra di quanto si pensasse. Quest’anno non li vedo oltre la semifinale di conference.

Atlanta Hawks

Squadra rivelazione della conference l’anno scorso. I giocatori sembrano maturi ma contro Heat e Celtics sembrano comunque decisamente perdenti perciò sembrano destinati ad essere l’ultima semifinalista della conference ma nulla più.



Western Conference

Los Angeles Lakers

Tutto il gran parlare dei Miami Heat sembra aver fatto dimenticare che i Lakers hanno vinto gli ultimi due titoli. Quest’anno si sono rinforzati con un superveterano come Theo Ratliff, una buona ala come Matt Barnes ed un paio di rookie il cui valore nei momenti che contano è però tutto da vedere. Restano da vedere i tempi di recupero di Kobe Bryant ed Andrew Bynum, operati dopo la fine dell’ultima stagione, ma è una situazione simile a quella vista l’anno scorso con Pau Gasol, che poi giocò un’ottima serie finale. Sono favoriti per tornare in finale e non sarebbe una sorpresa se vincessero ancora il titolo.

Denver Nuggets

Il destino dei Nuggets dipende da cosa succederà a Carmelo Anthony: l’ex Syracuse è da tempo sul mercato e quando leggerete questo blog potrebbe essere passato ad un’altra squadra. Se la trade si realizzerà bisognerà vedere chi arriverà e quale sarà il nuovo assetto della squadra. A seconda di quel che succederà Denver potrebbe ancora tentare di dare filo da torcere ai Lakers nella finale di conference o uscire al primo turno dei playoff.

Oklahoma City Thunder

La squadra è in crescita sotto la leadership di Kevin Durant, la grande stella emergente della lega. Vari giocatori hanno fatto le prime vere esperienze ad alto livello nella scorsa stagione in cui sono stati fermati nei playoff solo dai Lakers, quest’anno potrebbero sfidare i campioni uscenti nella finale di conference.

San Antonio Spurs

Gli Spurs non possono mai essere esclusi da un pronostico perché nel roster ci sono grandissimi giocatori come Duncan, Ginobili e Parker con vari compagni di buon livello guidati da un ottimo staff tecnico. Il loro problema è che Duncan e Ginobili hanno cominciato a soffrire l’usura dell’età perciò è impossibile dire in che condizioni si presenteranno ai playoff. Se le stelle della squadra dovessero arrivare in salute alla primavera potrebbero battere Nuggets o Thunder per sfidare i Lakers nella finale di conference altrimenti farebbero fatica a passare il primo turno dei playoff.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *