Buon compleanno Pelé!

Pelé
Pelé nel 2007

Oggi è il settantesimo compleanno di Edison “Edson” Arantes do Nascimento, conosciuto in tutto il mondo come Pelé (foto ©*Savaman*). Tra i soprannomi che gli sono stati attribuiti in Brasile ci sono tra gli altri “O Rei” (il re) e “Pérola Negra” (perla nera).

Cresciuto nella povertà, Pelé cominciò a giocare a calcio da bambino non con un pallone bensì con un calzino o degli stracci riempiti di carta oppure con un pompelmo.

Scoperto dall’ex giocatore Waldemar de Brito, Pelé esordì nel Santos quando aveva ancora 15 anni. Convocato nella nazionale brasiliana per i mondiali del 1958, Pelé segnò 13 gol, realizzandone almeno uno in ognuna delle gare disputate, contribuendo alla vittoria nella coppa.

Ai mondiali del 1962 Pelé si infortunò nella seconda gara e dovette saltare le altre, ai mondiali del 1966 invece venne picchiato dai difensori avversari, tanto da costringerlo ad abbandonare la partita contro il Portogallo.

La brutta esperienza aveva spinto Pelé a non voler giocare più i mondiali ma venne convinto a ripensarci e “O Rei” guidò la nazionale brasiliana ad un altro titolo nel 1970.

Nel 1972 Pelé decise di giocare solo occasionalmente ma nel 1975 firmò per i New York Cosmos giocando nel campionato americano fino al 1977, quando si ritirò definitivamente.



Questi sono solo alcuni dei grandi momenti della straordinaria carriera di Pelé, un giocatore eccezionale per il suo atletismo ma anche per la sua tecnica, non altissimo ma capacissimo di segnare di testa e anche intelligente. Per tutti questi motivi Pelé è ancora considerato da moltissime persone il più grande giocatore di calcio di tutti i tempi.

Dopo il termine della sua carriera calcistica Pelé è stato protagonista di molte iniziative sociali nel governo brasiliano ma anche come ambasciatore dell’ONU ed è ancor oggi una figura di spicco nel calcio.

In tutto il mondo Pelé continua ad essere ammirato anche dalle persone nate dopo il suo ritiro che hanno potuto vedere il suo straordinario talento calcistico solo in filmati d’archivio.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *