R.I.P. Sandra Mondaini

Per i molti italiani cresciuti con Sandra Mondaini e Raimondo Vianello oggi si rinnova il dolore provato il 15 aprile scorso con la morte di Raimondo: dopo oltre mezzo secolo trascorso insieme Sandra non ce l’ha fatta e, già provata dai malanni ha resistito pochi mesi senza il marito, oggi ci ha lasciati anche lei.

Sandra e Raimondo erano molto amati per quel loro essere così genuini anche in una televisione che tende a distorcere sentimenti ed emozioni nel bene e nel male ma loro erano sempre vincenti proprio perché invece di proporre drammoni all’insegna del colpo di scena in cui tutto è questione di vita o di morte riuscivano a proporre a cuor leggero la quotidianità del loro rapporto fatta di tanti momenti quasi banali in cui realtà e finzione erano difficili da distinguere.

Sandra e Raimondo avevano lavorato insieme per decenni tanto che se si vedeva solo uno dei due ci si chiedeva dove fosse l’altro: certo, c’erano le trasmissioni dedicate al calcio che erano dominio esclusivo di Raimondo nelle quali portava il suo proverbiale umorismo di cui il calcio italiano ha sicuramente beneficiato, ma nelle altre occasioni era difficile pensare che non fossero assieme.

Purtroppo la notizia della morte di Sandra non è sorprendente: anche se le notizie sulla sua salute venivano tenute riservate ciò che trapelava era tutt’altro che rassicurante, soprattutto dopo averla vista al funerale del suo Raimondo, un ulteriore dolore per i loro fan.

È banale dire che ci mancheranno e senza di loro la televisione non sarà più la stessa ma a volte le banalità sono semplicemente le verità più ovvie. Senza voler fare facili predicozzi è sotto gli occhi di tutti il fatto che la TV generalista sia sempre più banale e senza questi due straordinari interpreti della vita quotidiana le cose peggioreranno ancora: che barba che noia che noia che barba…

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *